Apr 5, 2014

Castro Pretorio

CastroPretorio is the XVIII rione of Rome where it's located our hotel. It takes its name by the ruins of the Castrum Praetorium, the barracks of the Praetorian Guard, included in the Aurelian Walls

Il rione di Castro Pretorio è il XVIII rione di Roma e prende nome dalle caserme delle Coorti Pretoriane: i soldati scelti per la difesa dell'imperatore romano. Tramontato l'impero la zona si popolò di ville aristocratiche e di vigne. Dopo l'unità d'Italia (1870) al posto delle ville e delle vigne sorsero i palazzi del nuovo governo in asse con il Quirinale, la reggia del re e ora sede del Presidente della Repubblica. Attorno ai ministeri governativi sorsero tra il 1870 e il 1910 le abitazioni dei governanti, dei funzionari statali e di tanti nobili e aristocratici venuti a risiedere nella capitale del regno al seguito del re. Per questo motivo il quartiere è popolato di tanti villini dallo stile più variegato: si va dallo stile neo-classico allo stile barocco, rinascimentale, allo stile liberty dei primi del novecento. Insieme ai villini e chiese in stile romanico e classico sorgono palazzi condominiali nel tipico stile umbertino (Umberto I, secondo re d'Italia, 1878-1900). E' lo stile di Roma Capitale.
Delle antiche ville con giardini, terreni e viali alberati rimane in particolare Villa Bonaparte dove visse nei primi decenni del 1800 Paolina, la sorella prediletta di Napoleone. Parte dei terreni della villa sono stati venduti dopo la fine dello Stato Pontificio per la costruzione di palazzi abitativi. Il nucleo centrale della villa con l'edificio (in cui abitò Paolina Bonaparte) e i giardini che lo circondano è rimasto alla Francia e vi ha sede l'ambasciata di Francia presso la Santa Sede.
Dove erano le caserme dei Pretoriani ora sorge il modernissimo complesso della Biblioteca Nazionale. Questo quartiere è il primo quartiere di Roma Capitale, il più elegante. Vi hanno abitato i personaggi che hanno fatto grande la nuova nazione: statisti, celebri docenti universitari, scienziati, artisti, scrittori non solo italiani ed europei, ma anche provenienti dal Nuovo Mondo, l'America. E' il quartiere più sicuro e meglio amministrato e collegato più comodamente di ogni altra parte di Roma con i trasporti pubblici e ferroviari in quanto è prossimo alla stazione Termini, la stazione centrale dei treni, della metro e degli autobus. Tutto questo perchè qui risiede la classe governativa della nuova nazione



No comments:

Post a Comment